31.05.05

2° Press Key Award. Il riconoscimento alle migliori campagne stampa italiane.

Press Key Award - Il premio Dopo il successo dell’anno scorso, torna il Press Key Award, l’unico riconoscimento a livello nazionale che premia l’estro e la creatività delle migliori campagne stampa italiane.

Questa 2a edizione prende in esame le campagne pubblicitarie veicolate su quotidiani e periodici in tutto il 2004.

La premiazione si svolgerà giovedì 16 giugno alle ore 18.30 nell’Aula Magna dell’Università IULM (via Carlo Bo, 1, Milano, MM2, fermata Romolo) dove Monica Setta, giornalista e presentatrice televisiva, condurrà la serata conclusiva di una ‘tre giorni ‘ interamente dedicata alla pubblicità su carta stampata.

Molte le novità per questa edizione 2005, che tratterà, con una tavola rotonda e una mostra, il tema della creatività in un settore in continua espansione.

Martedì 14 giugno, nell’Aula 125 della IULM, si terrà, a partire dalle 18.30, la tavola rotonda "Come migliorare l'efficacia delle campagne stampa", un’occasione che vedrà raccolti esperti e tecnici del settore per una riflessione e un approfondimento sul tema. L’incontro sarà moderato da Roselina Salemi, direttore del settimanale Anna, e vedrà la partecipazione di Roberto Albano, presidente del Gruppo editoriale Media Key che organizza l’evento, Remo Lucchi, a.d. Eurisko, Lorenzo Marini, presidente e direttore creativo di Lorenzo Marini & Asociati, Eugenio Bona, presidente Media Italia e Ariela Mortara, ricercatrice presso l’Università IULM di Milano.

Al termine dell’incontro, sarà presentata la vera novità di questa 2a edizione, una mostra espositiva di tutte le campagne stampa in gara che per tre giorni offrirà la possibilità, a creativi, addetti al settore o semplici curiosi, non solo di ammirare l’estro e la fantasia delle singole pubblicità, ma anche di votarne la creatività.

Giovedì 16 giugno, si chiuderanno i lavori con una kermesse che richiamerà in sala i protagonisti del mondo imprenditoriale, delle agenzie di pubblicità, degli operatori dell’editoria insieme a giornalisti, opinion leader e testimonial delle pubblicità.

A partire dalle 18.30, nell’Aula Magna della IULM, Monica Setta, giornalista della carta stampata e conduttrice televisiva, presenterà la serata conclusiva della manifestazione che decreterà i vincitori delle 373 campagne pubblicitarie in concorso e svelerà la campagna più votata dai visitatori.

Per ognuna delle tredici categorie in gara (11 merceologiche e 2 speciali) saranno selezionati da 2 a 4 finalisti, giudicati da giornalisti, semiologi, psicologi e operatori della comunicazione. I winner riceveranno una scultura con una riproduzione dorata di una tavoletta di scrittura sumerica, risalente al 2.600 a.C. e conservata al Louvre di Parigi.

Il Press Key Award rappresenta un segno di eccellenza per tutti coloro che operano nel mondo dell’advertising, da esibire accanto ai più ambiti premi internazionali.

Alla serata, partecipano Piemme, KMedia, Editori Per la Finanza e Fram.

Quest’iniziativa nasce dalla lunga esperienza del Gruppo Media Key che ha già organizzato oltre 45 eventi tra i quali 34 edizioni del premio Key Award, dedicato ai film pubblicitari e 5 edizioni del premio Interactive Key Award, dedicato al mondo del Web e del Wireless.

‘Il riconoscimento fornisce un grande impulso alla creatività veicolata sui quotidiani e sui periodici - commenta Roberto Albano, presidente Gruppo editoriale Media Key - facendo aumentare di conseguenza l’efficacia degli annunci stampa e, in ultima istanza, facendo crescere gli investimenti pubblicitari su questi mezzi. Queste iniziative rappresentano infatti per i creativi uno stimolo a dedicarsi con maggiore entusiasmo all’ideazione di campagne destinate al mezzo stampa, a tutto vantaggio dell’efficacia della comunicazione e conseguentemente a vantaggio di una crescita degli investimenti pubblicitari.’

Per informazioni, tel. 02-52203728 oppure eventi@mediakey.it.
Ci si può accreditare come ospiti sul sito www.mediakey.it

Notizia pubblicata da manuscritto alle 11:10

30.05.05

Seminario: 'Aldo Biasi, copywriter. La creatività sconfina'

Aldo Biasi, copywriter Il prossimo 1 giugno si terrà presso il Centro Studi Ilas un seminario del copywriter Aldo Biasi, socio ADCI.

Attuale Presidente della Aldo Biasi Comunicazione, inizia a lavorare come copywriter nel 1968 a Torino in Armando Testa. Nel 1979 approda a Milano con la Benton&Bowles in qualità di copy chief. Passa in McCann-Erickson come capogruppo creativo, poi in Ted Bates come condirettore creativo. Nel 1984 fonda la Benton&Bowles Bologna per assumere poi la carica di executive creative director del Gruppo DMB&B Italia. Nel 1989 dà vita all'agenzia Impact & Dolci Biasi, che lascia dopo tre anni per la Leo Burnett, prima, e la Publicis, poi, di cui sarà amministratore delegato ed executive creative director. Nel 1994 fonda la Sanna&Biasi. Nel 1999, finito il sodalizio con Sanna, nasce la Aldo Biasi Comunicazione.

Seminari ILAS 2005
Mercoledì 1 giugno, ore 17.00
Aldo Biasi, copywriter
"La creatività sconfina"

L'incontro è aperto al pubblico e la partecipazione è gratuita.
Siete invitati, tutti.
Per prenotare l'accredito, vai sul sito della ILAS

Notizia pubblicata da manuscritto alle 10:58

26.05.05

Un'installazione vivente a New York

NEWS_fluxfactory.jpg Tre scrittori sono chiusi dai primi di settembre in tre diverse strutture di 13 metri quadri dalle pareti di plastica nella Flux Factory, un collettivo di artisti di Long Island City, davanti a Manhattan, sulla sponda opposta del East River.

I tre sono Laurie Stone, Ranbir Sidhu e Grant Bailie e hanno un solo impegno: scrivere un romanzo entro il 4 giugno.

Tutti i sabati alle otto di sera durante il mese di "reclusione" gli scrittori leggono pubblicamente i capitoli delle loro opere scritti nella settimana precedente e partecipano a un dibattito pubblico sui loro romanzi.

Notizia pubblicata da manuscritto alle 01:34

25.05.05

"I grandi detective" TEA al prezzo specialedi 5,90 euro

Fresca di stampa la nuova collana della casa editrice TEA "I grandi detective": nove bestseller in edizione one-shot con una grafica originale a al prezzo specialedi 5,90 euro.
È una iniziativa che decisamente punta all'estate, al piacere di leggere un giallo di qualità anche sotto l'ombrellone, senza spendere molto.
Ecco i titoli:
"Il collezionista" di James Patterson, con Alex Cross, il profiler cacciatore di serial killer;
"Il morso del serpente" di Elizabeth George con l'ispettore Thomas Lynley, il detective più aristocratico di New Scotland Yard;
"K come killer" di Sue Grafton, con la single, cocciuta californiana Kinsey Millhone, investigatrice privata;
"Il commissario Bordelli" di Marco Vichi, simpatico, stanco, buono e fiorentino;
"Anime morte" di Ian Rankin, in cui l'ispettore John Rebus insegue le ombre della Edimburgo più oscura;
"L'ombra di Anubi" di Lynda Robinson, con lo scriba Meren, occhi e orecchie del faraone Tutankhamon;
"Assassinio tra i druidi" di J.B. Livingstone, protagonista Higgins, l'ex ispettore che ama Mozart.
Infine due romanzi di Ellis Peters, "La bara d'argento" titolo della serie di Fratello Cadfael, monaco erborista dell'abbazia di Shrewsbury e "La porta della morte", avventura del detective George Felse, quello che tutti gli innocenti vorrebbero incontrare.

In vendita in libreria e su Bol.it

Notizia pubblicata da manuscritto alle 09:00

24.05.05

Premio Letterario “Voci di Casa”

NEWS_moica05.gif Il MO.I.CA. - Movimento Italiano Casalinghe ha costituito il Premio Letterario Voci di Casa, un premio nazionale a cui possono partecipare le donne e gli uomini, italiani e stranieri, che dedicano la vita alla casa e alla famiglia e che non svolgono alcun lavoro retribuito.

Con questo Premio si vuole dare il giusto valore al talento nascosto di molte/i di loro che impegnandosi giorno e notte nell’attività domestica non hanno la possibilità di esprimere attraverso canali più ampi ciò che hanno dentro. I loro scritti possono diventare l’occasione per approfondire la situazione sociale di circa otto milioni di donne italiane, tante sono le casalinghe, degli uomini non si conosce il numero, oltre che fare da cassa di risonanza dei problemi e delle iniziative che le/i riguardano e di cui il MO.I.CA. si occupa dal 1982.

Faranno parte della Giuria, il cui presidente è Melania Mazzucco, otto giovani affermati nel campo delle arti, del giornalismo, delle ricerche sociologiche, scelti appositamente perché possano giudicare con realismo privo di pregiudizi le opere nel loro insieme letterario e sociale.

Il premio consisterà per ogni sezione – poesie - racconti - in un gioiello appositamente studiato per raffigurare quei valori di affetto, dedizione e conforto che la conduzione della casa ispira.
Le opere dovranno pervenire entro il 30 maggio.

La cerimonia per la consegna dei premi avverrà a Roma, in Campidoglio, l’11 novembre 2005.

Informazioni e bando sul sito del MO.I.CA

Notizia pubblicata da manuscritto alle 23:42

Festival Letterature, apertura con Salman Rushdie

NEWS_rushdie.jpeg Lo scrittore anglo-indiano: ''Uno dei modi di combattere il fanatismo è la felicità''


Tutto pronto alla Basilica di Massenzio per la quarta edizione del Festival delle Letterature.

Ad inaugurarla domani sera alle 21 sarà lo scrittore anglo-indiano Salman Rushdie, ormai ''simbolo vivente di coraggio, indipendenza di pensiero e lotta contro l'intolleranza e il fanatismo'', come ricorda l'assessore capitolino Gianni Borgna.
Colpa di quel maledetto 'Versetti satanici' che dall'89 lo ha costretto a vivere in clandestinità per sfuggire alla 'fatwa' lanciatagli degli ayatollah dell'ortodossia iraniana. Rushdie arriva all'incontro stampa in Campidoglio con la sua quarta moglie Padme, ex modella e valletta del programma tv ''Domenica In'', conosciuta proprio in Italia. Sulla paura, tema di questa edizione del Festival, lo scrittore è giunto ad una semplice conclusione. La ''stessa'', nota, a cui sono giunti i newyorchesi dopo l'11 settembre: ''Per quanto terrorizzante possa essere il mondo, te lo devi scordare e andare avanti lo stesso''.

Rushdie spiega la ricetta per combattere il fanatismo. ''Uno dei modi di combattere il fanatismo è la felicità. E anche il piacere. Un umorista americano una volta ha definito il puritanesimo come il timore che qualcuno, da qualche parte, possa essere felice. Beh, sono favorevole all'uso indiscriminato del bacio 'alla francese'... Utilizzare queste 'armi', non solo e' efficace, ma anche gradevole''. Poi, piu' serio, aggiunge: ''In tempi incerti come i nostri, di grande insicurezza per quello che puo' avere in serbo il futuro per noi, e' facile che la paura susciti un clima di disperazione, è facile assumere una dimensione tragica''.

Per fortuna, però, ''gli uomini non sono bravi a prevedere il futuro. Il mio consiglio e' di non credere mai che il futuro possa essere, per nessun motivo, uniformemente fosco. Il futuro ci sorprende sempre''. Se dunque abbiamo necessita' di andare oltre i nostri timori, ''innamorarsi e' uno dei mezzi per superare la paura. Abbiamo bisogno di momenti di esaltazione, di fare esperienze che ci portino a trascendere noi stessi. L'arte, come l'amore, è tra queste. Se tante persone normali hanno sostenuto 'Versetti satanici' non e', credo, per il libro in sè, ma per la liberta' di poter scegliere in ogni momento che libri leggere e scrivere''.

Informazioni e programma su www.festivaldelleletterature.it

[Fonte: Adnkronos - Ign]

Notizia pubblicata da manuscritto alle 11:08

23.05.05

Scrittura, dimmi che carattere usi e ti dirò chi sei

NEWS_Cornuda.gif A Cornuda, in provincia di Treviso, la Tipoteca italiana illustra le antiche tecniche tipografiche. E invita i ragazzi a scrivere sms alla maniera di Gutenberg.

TI AMO. Ti amo. Ti amo. Nel primo modo lo grido. Nel secondo lo dico piano ma con fermezza. Nel terzo, la stessa affermazione acquista un valore quasi ufficiale. Sono solo tre dei mille modi che ormai abbiamo a disposizione per comunicare. Non solo parole nel vento ma grumi neri su fondo bianco. Il cui significato cambia a seconda della forma, come sanno bene tutti i computer-dipendenti: scritto in ‘Times New Roman’ il testo ha un sapore, che cambia radicalmente se tradotto in ‘Comics Sans MS’. Oggi è solo questione di Pc, tastiera e un clic. Cinquecento anni fa bisognava armarsi di torchio, punzoni e matrici. E poi di molta pazienza.

Per entrare in questo mondo antico e nei suoi tempi, il Museo del carattere e della tipografia - Tipoteca italiana fondazione di Cornuda, in provincia di Treviso, offre ai visitatori l’opportunità di trasformarsi in veri e propri tipografi. Proprio alla maniera di Gutenberg, l’ingegnoso inventore dei caratteri a stampa nella Germania della metà del Quattrocento. “Nell’officina di Gutenberg”, “La scuola di Aldo”, “Tipi di tutti i tipi”, sono tre dei percorsi offerti soprattutto ai visitatori più giovani per immedesimarsi nel ruolo di chi, anche solo per scrivere una breve dichiarazione d’amore in quantità industriale, doveva produrre l’intero messaggio lettera dopo lettera. E questo è anche il tema del primo fumetto realizzato dalla ‘Tipoteca dei ragazzi’, disponibile in formato cartaceo e scaricabile sul sito Internet del museo in formato pdf (http://www.tipoteca.it/it_attivita_tip-ragazzi.html), a dimostrazione del fatto che il passato comunica sempre con il presente. Oltre ai laboratori pratici, l’originale fondazione, ospitata negli edifici dell’antico Canapificio Veneto, consente di entrare nei meccanismi delle officine di fusione, approfondendo anche la vita di uomini come Aldo Novarese, disegnatore di caratteri, grafico e pittore al quale il museo dedica un’intera sala. Lo spirito della visita è suggerito da una citazione di Bruno Munari, presente on-line: “Conservare lo spirito dell’infanzia dentro di sé per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare.”

Scarica la scheda di prenotazione

[Fonte: Adnkronos]

Notizia pubblicata da manuscritto alle 11:27

20.05.05

Bill Gates sta lavorando a un nuovo libro

SEATTLE (Reuters) - Bill Gates, cofondatore e presidente di Microsoft Corp., progetta di scrivere un altro libro su come le nuove tecnologie influiranno sulla vita delle persone e delle aziende.

NEWS_billgatesbook.jpg Gates, il cui ultimo libro "Business @ at the Speed of Thought" (Affari alla velocità del pensiero) è stato pubblicato nel 1996, è ancora alla fase iniziale del progetto e non c'è ancora una data per l'uscita, ha detto il portavoce di Microsoft John Pinette.

"Bill ha iniziato a pensare a un nuovo libro che parlerà di nuove tecnologie e di come l'innovazione trasformerà comunicazione, intrattenimento e anche di come l'innovazione avrà un profondo effetto sulle grandi istituzioni", ha detto Pinette.

Gates ha scritto anche "The Road Ahead" (La strada che porta a domani) nel 1995, a sei mani.

Notizia pubblicata da manuscritto alle 11:33

19.05.05

Corso di perfezionamento sull’editing. Per lavorare sui testi e confrontarsi con gli autori.

NEWS_segnalibro_editing.gif

Cultura, sensibilità, competenze linguistiche e tecniche sono requisiti necessari per affrontare la revisione di un testo inedito. Non bastano però per svolgere un buon lavoro di editing, se non si instaura un confronto efficace e diretto con l’autore.

Il nuovo corso di perfezionamento sull’editing de Il Segnalibro, oltre ad approfondire gli aspetti teorici della revisione, offre l’opportunità di mettere in pratica le diverse tecniche di editing su traduzioni e testi originali, e di proporre e discutere le proprie soluzioni direttamente con gli scrittori.

In aula: Mattia Caratello (consulente Stile Libero - Einaudi) e gli scrittori Marco Lodoli (Einaudi), Antonio Pascale (Stile Libero – Einaudi), Mara Dompè (Mondadori), Stefano Valente (Serarcangeli).

Il coordinamento didattico è affidato a Simona Coppini e Guya Parenzan consulenti e docenti dei corsi per redattori de Il Segnalibro.

Il corso, della durata totale di 32 ore, si svolgerà nei due week-end del 28-29 giugno e 9-10 luglio A Roma (Hotel Zone, via A. Fusco 118) ed è aperto a un massimo di 20 corsisti.

Durante il primo week-end (28- 29 giugno), Mattia Caratello, consulente di Einaudi - Stile Libero per la letteratura straniera, affronterà insieme ai docenti del Segnalibro l'editing di testi italiani e la revisione della traduzione, fino alla correzione di bozze e all'applicazione delle norme redazionali. Per ognuno di questi argomenti sono previste esercitazioni in aula che verranno corrette collettivamente.

Nella giornata del 29 giugno saranno consegnati ai partecipanti i testi di Marco Lodoli, Antonio Pascale, Mara Dompè e Stefano Valente, che i corsisti dovranno "editare" prima dell'incontro con gli autori, previsto per il 9 e 10 luglio.

Obiettivo delle due giornate finali (9-10 luglio) è offrire ai corsisti - attraverso una simulazione il più possibile reale del rapporto fra editor e autore - l'opportunità di verificare le loro competenze tecniche e, allo stesso tempo, la loro capacità di cogliere e rispettare, nel lavoro sui testi, le intenzioni narrative, comunicative, stilistiche dell'autore, perfezionandone la forma.

Il costo dell’iscrizione è di 700,00 euro + Iva, con possibilità di rateizzazioni. Nel prezzo sono compresi il materiale didattico e l’abbonamento annuale alla rivista “Il Laboratorio del Segnalibro”. Al termine delle lezioni, i partecipanti riceveranno un attestato di frequenza.

Per info e iscrizioni:
Agenzia Il Segnalibro srl,
via Ugo de Carolis 70
00136, Roma
tel. : 06/35400912
info@ilsegnalibro.it
www.ilsegnalibro.it

Notizia pubblicata da manuscritto alle 00:56

17.05.05

Scrittori si diventa... 'Parole in fieri': giovani scrittori con La Stampa

NEWS_einaudi2.gif In occasione dell’iniziativa editoriale “Collezione d’autore” che prevede l’uscita in edicola di 25 grandi titoli della letteratura italiana, l’Editrice La Stampa ha deciso di dare vita a un incontro di scrittura con i lettori e tutti gli appassionati di letteratura: Parole in fieri. Giovani scrittori con La Stampa.

In un singolare scambio culturale tra l’autore e il giovane scrittore-lettore, La Stampa propone ai giovani (19-30 anni) e giovanissimi (14-18 anni) la stesura:

- di una breve recensione di uno dei libri in uscita
oppure
- la realizzazione di uni'intervista “immaginaria” allo scrittore-autore dell'opere pubblicate.

L'intervista immaginaria, corredata ovviamente di domanda e risposta, non dovrà superare le 3000 battute (spazi inclusi), viceversa la recensione non dovrà superare le 2000 battute (spazi inclusi).

I lavori più interessanti saranno pubblicati bimestralmente nelle pagine di Tuttolibri del quotidiano insieme ai dati anagrafici degli scrittori “vincitori” e al sunto del libro.

Gli elaborati potranno essere inviati:- via posta a Redazione Parole in fieri – c/o Editrice La Stampa - via Marenco, 32 – 10126 Torino
oppure
- via e-mail all’indirizzo paroleinfieri@lastampa.it

Gli elaborati dovranno essere muniti di:
- nome
- cognome
- data di nascita
- numero telefonico

Per chi lo desidera, è possibile utilizzare il modulo scaricabile cliccando qui (formato .doc – 40 kb)

Clicca qui per visionare il piano dell’opera “Collezione d’autore”

Notizia pubblicata da manuscritto alle 12:34

I libri ritrovati. Milano, 21 e 22 maggio 2005

NEWS_libriritrovati05.gif Il 21 e 22 maggio 2005 si terrà, al Parco Esposizioni Novegro, la seconda edizione de "I LIBRI RITROVATI", la " mostra mercato del libro di seconda scelta e di prima qualità" che ha, per la prima volta in Italia, posto l’attenzione su un mercato tanto fiorente quanto sottovalutato, quello dei libri usati e remainders.

La scorsa edizione, oltre a registrare un notevole successo di pubblico, ha suscitato l’attenzione di tutti i mass media, che hanno dato ampio spazio all’iniziativa: "La prima mostra mercato dedicata ai remainders", "Va sempre più veloce la moda dei libri lenti", "Libri usati, è boom", sono solo alcuni dei numerosi titoli strillati a tutta pagina dai più importanti quotidiani nazionali.

"I LIBRI RITROVATI", la prima slow book fair italiana, intende celebrare appunto il "libro lento", quello che non sarà mai in cima alle classifiche delle vendite ma che inesorabilmente continua, nel corso degli anni, a essere comprato, letto e apprezzato dallo zoccolo duro dei lettori veri, quelli che non si accontentano dei libri da supermercato ma che dedicano tempo ed energie alla ricerca dei libri che durano, superando le mode del momento.

A fianco della manifestazione commerciale si svolgeranno delle iniziative culturali, che quest’anno si ispirano alla celebre riflessione di J.R.R. Tolkien, secondo cui la lettura, che ci permette di allontanarci dalle fatiche della quotidianità, non è la fuga vigliacca del disertore ma la doverosa evasione del prigioniero; il tema delle "Letture d’Evasione" verrà approfondito da tavola rotonda e da una serie di "microfoni aperti" in collaborazione con le reti radiofoniche nazionali.

La seconda edizione de "I LIBRI RITROVATI" si svolgerà in concomitanza con "VINILMANIA", il più importante appuntamento nazionale dedicato alla vendita e allo scambio di dischi e cd usati e da collezione, così da creare una proficua occasione di scambio tra appassionati di libri e collezionisti di dischi che spesso fanno parte della stessa tribù, quella della persone colte e curiose.


Dove e quando
I libri ritrovati si svolge al Parco Esposizioni Novegro, alle porte di Milano, sabato 21 e domenica 22 maggio, con orario continuato 10-19.
Il biglietto costa 3 euro.
Il Parco Esposizioni Novegro è raggiungibile con mezzi propri seguendo le indicazioni per l’aeroporto di Linate e poi per “Parco Esposizioni Novegro”, distante dall’aeroporto poco più di un chilometro. Con mezzi pubblici: autobus 73 e poi autobus Novegro-San Felicino (quinta fermata).

Per altre informazioni tel. 02-70200022 oppure www.parcoesposizioninovegro.it

Notizia pubblicata da manuscritto alle 01:16

16.05.05

Tutta la verità sul Codice da Vinci

Scienza & Paranormale presenta un numero speciale dedicato ai segreti alla base del best seller di Dan Brown

La bella rivista Scienza & Paranormale diretta da Massimo Polidoro, organo del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale), presenta nel suo ultimo numero (59) uno speciale davvero da non perdere dedicato ai segreti di Rennes-Le-Chateau e ai suoi enigmi. Con la solita dedizione e il grande entusiasmo che muove questo gruppo a sondare i misteri di ogni tipo vengono affrontati sette temi che faranno l'interesse di tutti quelli che, letto il romanzo Il Codice da Vinci, vogliono approfondire le tesi trattate nel libro di Dan Brown da un punto di vista piùcritico e scettico. I pezzi che fanno da colonna portante di questo numero della pubblicazione del CICAP sono: Dietro il Codice da Vinci, che spiega i segreti di una macchinazione secolare, I segreti di Leonardo, dove vengono smentite alcune "letture" delle sue opere come ad esempio L'ultima cena stessa e C'è un tesoro in quella chiesa? altro articolo in cui si spiega che tutto ciò che è custodito nella cihesa di Rennes-Le-Chateau è in linea con l'ortodossia cattolica. Inoltre si segnala l'inserto Il serpente rosso, un misterioso opuscolo datato 17 marzo 1967 e scritto da tre presunti autori (ristampato e tradotto in italiano) che però furono trovati morti, impiccati, tra il 6 e il 7 marzo...

La rivista si trova presso le Librerie Feltrinelli.
Per abbonarsi, invece: http://www.cicap.org/rivista/index.htm

[Fonte: www.sherlockmagazine.it]

Notizia pubblicata da manuscritto alle 18:37

La magia della scrittura. Scrivere per farsi leggere: neurolinguistica e stile efficace.

NEWS_magiadellascrittura.jpg Divulgare dati, spiegare un concetto o far conoscere un prodotto: scrivere è una fatica nera. A scuola o sul lavoro, tutti abbiamo sperimentato il panico del foglio bianco o dello schermo vuoto. Eppure ci sono scrittori che sanno stabilire sintonia con i lettori, entrare nelle loro corde razionali ed emotive. Hanno la 'penna facile'. Qualcosa di magico. Dietro la loro magia, però, c'è ben più di una dote di natura: ci sono tecniche, schemi comunicativi, registri di stile che tutti possiamo imparare.

Come fare a scrivere per chi ci legge? Un grande aiuto viene dallo studio dei modelli neurolinguistici, che sono i filtri attraverso i quali l'esperienza soggettiva diventa pensiero, il pensiero diventa parola, la parola diventa scrittura. "La magia della scrittura" è il primo libro che indaga questo argomento.

Il volume è diviso in due parti. La prima è teorica e analizza i modelli neurolinguistici applicati alla scrittura. La seconda è pratica ed è organizzata seguendo una successione alfabetica. Per ogni lettera, un esperto del settore e un'applicazione del linguaggio scritto: A advertising, B burocrazia, C customer care, D divulgazione scientifica, E e-mail, e così via. La struttura ricorda quella di un sito internet: titoli, box, note, link che portano nel web. Dunque si può leggere il libro in modo lineare o saltellando tra i capitoli; una volta terminato, il lettore può chiuderlo e cominciare a scrivere speditamente, senza pensare troppo ai modelli. A quel punto, sarà davvero magia.

Titolo: La magia della scrittura. Scrivere per farsi leggere: neurolinguistica e stile efficace. Con un'intervista a John Grinder
Editore: Sperling & Kupfer
Anno: 2005
Prezzo di copertina: Euro 22,00
Acquistabile su bol.it a soli € 17,60

Notizia pubblicata da manuscritto alle 00:01

13.05.05

Star Wars: la mostra

NEWS_starwarsIII.jpg

In occasione dell'uscita dell'ultimo e attesissimo episodio della saga Star Wars - La Vendetta dei Sith - la Triennale di Milano, Lucasfilm e ArteUtopia presentano la mostra Star Wars. The Show.



Il 13 maggio 2005, con una settimana di anticipo su l'uscita del film, e in anteprima europea, la Triennale di Milano aprirà al pubblico la grande mostra su Star Wars.

Gli scenari, i personaggi, i costumi, le architetture, le navi spaziali, gli automi, tutto l’universo di Star Wars sarà presentato, su una superficie di 1.200 metri quadrati, attraverso circa duecentocinquanta tra oggetti e disegni originali provenienti dagli studi della Lucasfilm (San Francisco, USA).

“Reperti” della lavorazione di tutti e sei i film – compresi quelli completamente inediti dell’ultimo episodio - verranno mostrati in un percorso, insieme spettacolare e fantastico, che suggerirà contemporaneamente la “materialità” di questi oggetti e il valore immaginifico che assumono nella finzione cinematografica, oltre a testimoniare l’altissima perizia tecnica dei loro ideatori e realizzatori.

L’accento sarà posto sulla bellezza e l’evocatività di questi originali, oltre che sul loro valore di “reperti”, tracce tangibili di un lavoro trentennale che sta all’origine di un genere – se non un mito – riconosciuto in tutto il mondo da milioni di entusiastici fans.

La mostra rivela la pioneristica creatività degli artisti coinvolti nella creazione della saga Star Wars ed esplora lo sviluppo dell'universo di Starwars, dalla concezione iniziale fino alle scene finali dell'ultimo e attesissimo episodio, documentando inoltre l'evoluzione della tecnica cinematografica degli ultimi trent'anni.

Il nucleo centrale è composto da modelli, costumi e oggetti utilizzati sui set dei sei film, come i celebri droidi R2-D2 e C-3PO, dei quali si possono ammirare gli originali, i costumi per Darth Vader o per la Principessa Amidala, i veicoli spaziali (modelli originali), le maquette dei numerosi e fantastici personaggi creati dalla fantasia di George Lucas e che popolano l'universo Star Wars.

La mostra include alcune sezioni con effetti speciali video e sonori, oltre ad aree interattive, dove il visitatore potrà confrontarsi con la forza dei jedi, o assistere a un duello con le spade laser, o sentirsi Darth Vader per un giorno.

Una sezione esplora la collaborazione di George Lucas con alcuni artisti capaci di interpretare la sua visione. Sono in mostra disegni originali e dipinti di Ralph McQuarrie, conosciuto per la descrizione dell'Universo Star Wars, e di Doug Chiang, che ha creato il nuovo paesaggio per Episodio I.

La mostra cerca di creare personaggi e ambientazioni, illustrandone lo sviluppo da disegni concettuali e modelli a rendering e immagini create su computer.

Design e architettura costituiscono, inoltre, un elemento importante nell'immaginario fantastico di Star Wars: dai sofisticati costumi di principi e senatori fino alle straordinarie architetture nelle sterminate città dei vari mondi che costituiscono il teatro dei film. Un rilievo particolare sarà dato all'ambientazione di Episodio II sul lago di Como, attraverso i plastici che assemblano architetture storiche con un risultato fantasioso, e ai fastosi palazzi di Episodio III.

La mostra sarà accompagnata dalla celebre colonna sonora dei film composta da John Williams.

L'allestimento, curato da Alessandro Pedretti, si propone come uno spettacolo dove gli oggetti protagonisti sono in scena in uno sfondo ricco di suggestioni e atmosfere che ci riportano ad un immaginario di avventura e paesaggio galattico.

Atolli luminosi sui quali sono atterrate astronavi ed esseri stupefacenti, video e colonne sonore dei mitici episodi, gallerie - abitacolo dove si svelano immagini, oggetti e proiezioni, per essere i protagonisti in un’ambientazione di panorami, personaggi e architetture fantastiche.

Star Wars The Show
Quando: 13 maggio – 28 agosto 2005
Dove: Triennale di Milano, viale Alemagna 6, tel. 02–724341, fax 02-89010693, www.triennale.it
Ingresso: Euro 7,00/5,50/4,00
Cura e produzione: Triennale di Milano, ArteUtopia Milano e Lucasfilm Ltd, San Francisco
Progetto di allestimento: Alessandro Pedretti

Notizia pubblicata da manuscritto alle 11:13

12.05.05

Pubblicità tra i banchi. La parola ai ragazzi!

NEWS_pubblicitascuole.gif Negli U.S.A., come in numerosi paesi europei, grandi compagnie stanno adottando nuove politiche di marketing legate direttamente e indirettamente alle scuole. Per esempio è possibile trovare i loghi di grandi marchi su quaderni, libri di testo e muri delle scuole. Stanno perfino nascendo società specializzate in questo tipo di campagne. Spesso sono le stesse amministrazioni scolastiche a vedere di buon occhio queste iniziative, che rappresentano entrate extra per i conti delle scuole.
Ma i ragazzi che vivono le scuole che ne pensano?

Per studiare questo nuovo fenomeno nel settembre 2005 si terrà a Berlino una conferenza dal titolo "Pubblicità e Sponsorizzazione nelle scuole".

Nell'ambito dei lavori della conferenza la Federazione delle organizzazioni tedesche dei consumatori (vzbv), in collaborazione con Yomag, (il magazine dei giovani consumatori europei) sta cercando articoli che trattino questo tema.

I cinque migliori contributi saranno tradotti in tedesco, pubblicati nella documentazione del congresso e ricompensati ciascuno con 100 euro. Un attento studio di questi temi potrà anche aiutare i ragazzi a diventare dei consumatori più responsabili, facendoli entrare all'interno dei meccanismi che governano la pubblicità.

La scadenza per l'invio dei lavori è il 30 giugno 2005

Per saperne di più sul concorso e su come parteciparvi, visitate il seguente sito web: www.yomag.net/servicepages/contest.htm

Notizia pubblicata da manuscritto alle 18:06

11.05.05

Internet: Usa, blog delle star Hollywoodiane anti-Bush

NEWS_Huffington.gif

NEW YORK, 10 MAG - Aperto in America 'The Huffington Post', blog di stampo liberale con interventi di molte star di Hollywood contro George W. Bush.

L'idea di aprire questo blog - una sorta di diario on line che raccoglie idee di personalita' diverse - e' venuta all'attivista californiana Arianna Huffington che ha riunito oltre 300 firme contro il presidente degli Usa.

Le celebrita' che hanno gratuitamente partecipato all'iniziativa sono, fra gli altri, John Cusack, Warren Beatty e Diane Keaton.

Visita il sito (solo in lingua inglese)

[Fonte: Ansa]

Notizia pubblicata da manuscritto alle 17:35

10.05.05

"Cuba". 17 articoli per riscoprire la Cuba del Duemila

NEWS_Cuba.jpg Diciassette articoli su Cuba oggi, sui cubani e la loro vita nel duemila, sulle loro tradizioni, sulla loro cultura, sulla loro situazione politica, corredati da splendide immagini di Stefano Pacini.

Cuba veramente vista "dalla parte dei cubani", raccontata da Gordiano Lupi, capo redattore de Il Foglio Letterario e già autore, tra l'altro, di Cuba Magica e di Un isola a passo di son.

Il saggio, dal 9 maggio 2005, è liberamente fruibile da tutti sul sito Kult Virtual Press. Buona lettura!

Notizia pubblicata da manuscritto alle 20:43

06.05.05

World Press Photo - Fotografia e giornalismo: le immagini premiate nel 2005

Arko Datta  - Foto dell'anno 2004 Il premio World Press Photo è uno dei più importanti riconoscimenti nell'ambito del fotogiornalismo. Il meglio della produzione internazionale viene esaminato ogni anno per il Premio. L'esposizione rappresenta un'occasione unica per vedere raccolte insieme le immagini più belle e rappresentative che per un anno intero hanno accompagnato, documentato e illustrato gli avvenimenti del nostro tempo sui giornali di tutto il mondo. Foto dell'anno 2004 è stata proclamata un'immagine a colori del fotografo Arko Datta, dell'agenzia Reuters (www.worldpressphoto.nl).

Quando: 6 - 29 maggio 2005
Dove: Museo di Roma in Trastevere
Indirizzo: Piazza di Sant'Egidio, 1/b
Città: Roma (RM)
Telefono: 065816563
Fax: 065884165
Come arrivarci: Bus 116, 280, 23
Catalogo: pubblicato da Contrasto, può essere acquistato anche su www.contrasto.it o presso il museo

Notizia pubblicata da manuscritto alle 13:32

E il Book Pride ridimensiona educatamente Tv e Internet

NEWS_grassocorriere.jpg Milleduecento espositori, 800 incontri: da oggi al 9 maggio editori, scrittori e pubblico nel più grande appuntamento con la lettura, centrato sul tema del sogno
di Aldo Grasso [www.corriere.it/grasso]

I giorni della Fiera internazionale del Libro, giunta ormai alla sua diciottesima edizione, sono i giorni del Book Pride, dell’orgoglio librario. Sì, c’è Internet, ci sono gli e-book, ci sono nuove forme di comunicazione incoraggiate dall’elettronica ma quando qualcuno si sforza ancora di «andare all’anima delle cose», per ripetere l’esortazione di Gustave Flaubert, non ci resta che il libro, un clamore di libri: il vecchio, caro libro, la vecchia, cara (in tutti sensi) carta, il vecchio, caro oggetto che si sussurra abbia accesso agli dei.

La Fiera di Torino, come tutte le fiere, è etimologicamente occasione di festa e dunque ostentazione della merce (anche se i libri, per una volta all’anno, trovano una diversa collocazione, finalmente ordinati nel disegno di un catalogo editoriale o non dallo scadenzario delle uscite) e insieme celebrazione: è il luogo dove lo scrittore si sente ancora scrittore, dove ritrova la sua precaria identità, i suoi segni di riconoscimento, la sua intolleranza a ogni bardatura sociale. È proprio in questo stare assieme, nella fatica fisica dell’«incontrare gente», nella compressione del Lingotto che l’editoria italiana comunica a se stessa di esserci.

Normalmente si crede che la Fiera sia rivolta ai visitatori (e lo è, lo scorso anno i visitatori sono stati 230 mila e quest’anno si vorrebbe incrementare ulteriormente l’affluenza con un maggior numero di sale a disposizione e di luoghi d’incontro); che la Fiera sia uno straordinario mezzo per comunicare l’editoria (e lo è, tanto da dare l’impressione che l’Italia sia un Paese di lettori). In realtà l’appuntamento di Torino è qualcosa di più sottile e impalpabile: una forma di incoraggiamento, un bisogno di persuadersi, un ritrovarsi per rincuorare la propria, indispensabile funzione. Nonostante le inevitabili polemiche, qualche errore, le bizze caratteriali dei singoli.

Il motivo conduttore di quest’anno è il sogno: il sogno come luogo di premonizioni, profezie, rivelazioni fino alla concezione freudiana del sogno come strumento di scoperta dell’interiorità, il sogno come tensione progettuale, sfida, utopia realizzabile. Il mestiere stesso dello scrittore è un sogno: è quella cosa che impone di misurarsi con la grandezza (della grandezza bisogna infatti conoscere l’ambizione, il respiro, l’ossessione morale) e con la capacità mitica di aprire in sé un vasto spazio dove ospitare le figure più contrastanti (aprirsi a tutte le contraddizioni e mantenere una caparbia unità). È quella cosa che per qualche giorno fa credere che tutti i libri siano un sogno, i pochi di qualità e i molti senza qualità, addestrati solo alle consuetudini del consumo.

Festeggiamo dunque il libro, celebriamolo con la Festa del Libro. Festeggiamolo trovando anche confidenza con le librerie: «Leggere è un’attività successiva a quella dello scrivere: più rassegnata, più civile, più intellettuale» (Jorge Luis Borges). I libri bisogna abitarli, sentirseli addosso, sognarli; per questo la lettura permette di ridimensionare educatamente il ruolo della Tv, della Rete, del Rumore di Fondo in cui abitiamo.

Notizia pubblicata da manuscritto alle 01:39

05.05.05

Il futuro? Sarà il print-on-demand

È Fabio Di Giammarco su TuttoScienze, l'inserto odierno de La Stampa, a raccontarci il futuro del libro. Superata la fase di conflitto con le nuove tecnologie, che sembravano destinate a soppiantare la carta stampata, gli anni a venire vedranno una collaborazione stretta tra i vari supporti. Innanzitutto grazie alla digitalizzazione dei testi (ormai diffusa capillarmente in ambito editoriale per la realizzazione dei libri tradizionali, che nascono da file), poi per l'evoluzione tecnologica delle macchine per la stampa on-demand. I data base di testi gestiti dai singoli editori potranno essere collegati ad apparecchi (già e sistenti e in commercio) in grado di interfacciarsi sia con internet sia con una Lan, ricevere il file di un libro, e in pochi minuti stamparlo e rilegarlo. Se gli apparecchi saranno posizionati in punti strategici (come gli sportelli automatici) con un software dal semplice utilizzo e un catalogo costituito dalla somma dei singoli cataloghi editoriali, è facile immaginare le possibilità di diffusione del libro stampato, soprattutto in luoghi in cui non esistono librerie o in paesi in via di sviluppo.

[Fonte: librialice.it]

Notizia pubblicata da manuscritto alle 17:43

03.05.05

Amarcord di Fellini rivive a Rimini

NEWS_amarcord.jpg Venerdì 6 maggio alle ore 18,30, verrà inaugurata al Museo Fellini (via Clementini, 2 – angolo via Oberdan), la mostra AMARCORD - FANTASTICA RIMINI, che resterà aperta fino al 28 agosto 2005.

La mostra è dedicata ad Amarcord, uno dei film più famosi di Fellini, con cui il regista vinse, nel 1974, l’Oscar come miglior film straniero.

L’esposizione che comprende disegni, fotografie e ricostruzioni, inaugura Fellini estate, la tradizionale serie di eventi che la Fondazione organizza ogni anno durante i mesi estivi.

Per la prima volta sarà allestito un bookshop dove sarà possibile acquistare manifesti del film, le pubblicazioni curate dalla Fondazione Federico Fellini, riproduzioni di disegni e t-shirt.

Per partecipare all’inaugurazione si prega cortesemente di prenotare, contattando telefonicamente la Fondazione Fellini (tel. 0541 50085) o per e-mail (fondazione@federicofellini.it)

Rimini, Museo Fellini
Orario: 16, 30 – 19,30
Sabato e Domenica 10 - 12 / 16, 30 – 19,30
Lunedì chiuso

Notizia pubblicata da manuscritto alle 15:57

02.05.05

Concorso Letterario Internazionale «Prader Willi». Seconda edizione

NEWS_APW.gif Prader e Willi sono i due studiosi che, mettendo insieme un complesso di sintomi caratteristici che costituiscono il quadro clinico di questa malattia genetica rara, hanno per primi descritto la Sindrome.
Le persone affette dalla sindrome di Prader Willi (che colpisce un bambino ogni 15.000 nati) presentano ritardo mentale, ipotonia muscolare e sono prive del senso di sazietà, a causa di un'anomalia nel centro che controlla questo stimolo nel cervello. Allo stesso tempo, la patologia è causa di una disfunzione nel metabolismo, che riduce notevolmente la capacità dell'organismo di bruciare le calorie assunte con l'alimentazione. Nel giro di pochi anni i soggetti, se non opportunamente controllati, raggiungono un peso corporeo eccessivo che danneggia irreparabilmente la salute.
Le Associazioni Prader Willi sono presenti in tutto il mondo e promuovono un programma informativo ma... hanno bisogno anche del nostro aiuto!

L'Associazione Culturale Carta e Penna, in collaborazione con la Federazione tra le Associazioni Prader Willi italiane, ha deciso di bandire annualmente questo concorso letterario al fine di far conoscere ad un vasto pubblico la Sindrome; si è anche stabilito di devolvere alla Federazione, il 10% delle quote di partecipazione al concorso.

Il premio articola nelle seguenti sezioni:
1) NARRATIVA: un racconto a tema libero, max. 10 cartelle. Quota di partecipazione: 10,00 € - Gratuita per gli associati a Carta e Penna.
2) POESIA: un massimo di tre poesie tema libero. Quota di partecipazione: 10,00 €. Gratuita per gli associati a Carta e Penna.
3) SILLOGE POETICA INEDITA: una silloge di max. 35 poesie. Quota di partecipazione: 15,00 €.
4) NARRATIVA INEDITA: un romanzo o una raccolta di racconti inediti con un massimo di 75 cartelle. Quota di partecipazione: 15,00 €.
5) SAGGIO INEDITO A TEMA: saggio o tesi di laurea sui problemi legati all'handicap; l'opera deve essere inedita con un massimo di 50 cartelle. Quota di partecipazione: 15,00 €.
6) NARRATIVA A TEMA: un racconto che tratti il tema dell'handicap, max. 10 cartelle. Quota di partecipazione: 10,00 €.
7) POESIA A TEMA: massimo tre poesie che trattino il tema dell'handicap. Quota di partecip.: 10,00 €.
8) SCUOLE: sezione riservata agli studenti delle scuole elementari, medie e superiori. Si può partecipare con opere e modalità soprascritte. Le quote di partecipazione saranno interamente devolute alla Federazione tra le Associazioni Prader Willi e sono fissate in: 10,00 €.

Tutte le opere presentate non devono mai essere state premiate.
Le opere partecipanti alle sezioni a tema non dovranno trattare necessariamente i problemi del Prader Willi ma delle disabilità in genere e si lascia agli autori la più ampia libertà di interpretazione del tema stesso.
Le poesie dovranno essere composte da non più di 35 versi più il titolo; le cartelle s'intendono composte da 60 battute per 30 righe per un massimo di 18.000 battute.
Gli autori possono partecipare alle varie sezioni versando le relative quote. Gli scrittori di lingua straniera dovranno allegare la traduzione italiana del testo.

Ogni autore dovrà inviare all'associazione CARTA E PENNA - Via Susa 37 - 10138 - Torino:
- cinque copie di ogni elaborato; una copia deve contenere le complete generalità dell'autore, l'indicazione a quale sezione si intende partecipare ed essere firmata;
- bollettino del versamento della quota da effettuare sul c.c. postale n. 43279447 (CAB 01000 - ABI 07601) intestato a Carta e Penna. La somma può essere allegata in contanti o con assegno non trasferibile intestato a Carta e Penna.
- breve curriculum.

Saranno premiati i primi tre classificati per ogni sezione. Il termine per la presentazione degli elaborati è fissato per il 30 giugno 2005 e farà fede il timbro postale. Gli autori conservano la piena proprietà delle opere e concedono all'Associazione Carta e Penna il diritto di pubblicarle senza richiedere alcun compenso.

Scarica il bando del concorso!

Notizia pubblicata da manuscritto alle 01:27